Palazzo Marino non frena le auto blu

Palazzo Marino non vuol scendere dall’auto blu. Ieri, nel programma del consiglio, c’era la mozione che chiede a sindaco e assessori di rinunciare all’auto di servizio. Si doveva votare e, invece, è tutto rimandato. Con buona pace di Davide Corritore (Lista Ferrante) che l’ha presentata l’11 luglio. A parole sono tutti d’accordo, nei fatti continueremo a pagare 145mila euro all’anno per le 16 auto affittate per vicesindaco e assessori. Un conto a cui vanno aggiunti gli stipendi degli autisti (rimpolpati dagli straordinari) e il carburante. «La Moratti vuole introdurre il ticket? Allora segua l’esempio di Ken Livingstone, il sindaco di Londra che, dopo averlo introdotto, ha cominciato ad andare a piedi. Insieme a tutta la sua giunta». E il verde Enrico Fedrighini propone di aumentare le cinque «bici blu» a disposizione dei consiglieri.