Dal palco del «Muccassassina» agli scranni del Parlamento

Luxuria, al secolo Vladimiro Guadagno, è nata a Foggia nel 1965. Si autodefinisce «transgender», cioè non riconducibile né al sesso maschile né a quello femminile. Laureata in Lingue, ha cominciato la carriera artistica come attore in un film nel 1991. Nel 1993 entra nel movimento per i diritti della comunità Glbt (gay, lesbica, bisessuale e transgender) e assume la direzione artistica del Muccassassina a Roma. Negli anni successivi collabora con diversi quotidiani e network radiofonici fra cui: l’Unità, Liberazione e Radio Capital. La sua candidatura nel 2006 con Rifondazione ha suscitato perplessità nei settori moderati e cattolici dell’Unione, in particolare nell’Udeur, con Mastella che ha definito Luxuria «una ridicola Cicciolina». Alle elezioni politiche del 2006 Luxuria ha ottenuto il primo mandato parlamentare, ottenendo l’elezione alla Camera dei deputati nella circoscrizione Lazio 1, come indipendente nella lista di Rifondazione Comunista. Dal 6 giugno 2006 ha fatto parte della Commissione cultura. Il 28 maggio 2007 a Mosca, durante una manifestazione di protesta, Luxuria e l’eurodeputato radicale Marco Cappato sono stati aggrediti, assieme ad altri esponenti politici russi ed esteri, da un gruppo di nazionalisti ed ultra-ortodossi, mentre tentavano di consegnare al sindaco di Mosca una lettera, firmata da vari europarlamentari, per chiedergli di autorizzare il Gay Pride. Ricandidata alle politiche del 2008, non è stata rieletta.