Palenzona: «Centrale il ruolo di Rampl nel nuovo Unicredit»

Per il vicepresidente di Unicredit Fabrizio Palenzona (nella foto), il progetto “One4c“ di fusione di tutte le banche del gruppo nella holding recentemente lanciata dall’ad Alessandro Profumo, per la creazione di una «banca unica», non potrà non avere influenza sulla governance del gruppo.
«Accrescerà la responsabilità del consiglio di amministrazione - ha osservato Palenzona - e renderà centrale il ruolo del presidente Dieter Rampl, che sarà oltre che il presidente della holding anche il presidente di una grande banca commerciale in Italia e in Europa».
Palenzona, che ha detto di credere in un’accettazione del progetto da parte delle fondazioni, grandi azioniste dell’istituto di credito, ha sottolineato inoltre che «l’esperienza di Rampl e la sua professionalità sono una garanzia per tutto il consiglio, per gli azionisti e per il management, fattori che agevolano questa scelta della superbanca».
I grandi soci di Unicredit, ha continuato Palenzona, «da quello che vedo hanno approvato in assemblea» l’aumento di capitale da 4 miliardi «secondo me è nell’interesse dei soci sottoscriverlo e quindi credo che lo sottoscriveranno».