Palermo, Ciancimino: pena ridotta condannato a 3 anni e quattro mesi

I giudici della quarta sezione della corte d’appello di Palermo hanno condannato Massimo Ciancimino riducendo la pena a 3 anni e 4 mesi di carcere<br />

Palermo - I giudici della quarta sezione della corte d’appello di Palermo hanno condannato Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo Vito, a 3 anni e 4 mesi di carcere per riciclaggio e intestazione fittizia di beni. In primo grado era stato condannato dal gup a 5 anni e 8 mesi.

Ciancimino: "Via il reato più infamante"
Massimo Ciancimino si è "emozionato" dopo avere appreso della sentenza che gli ha ridotto la pena a 3 anni e 4 mesi: "Il reato più infamante, per me - ha detto il figlio dell’ex sindaco mafioso - sarebbe stato la tentata estorsione. Per quel che riguarda le vicende societarie, la mia versione dei fatti non era del tutto campata in aria, visto che i giudici hanno ritrasmesso gli atti alla Procura per indagare ancora. Ora si dovrà fare verifiche anche sulla quota della società Gas riferibile a Ezio Brancato". In realtà i giudici hanno chiesto di approfondire un aspetto: quale sia la "quota di pertinenza di Vito Ciancimino" nei 120 milioni della vendita della Gas alla spagnola Gas Natural.