Palermo, filmano lo stupro di gruppo: in manette

Tre giovani sono stati arrestati. Gli stupratori sono l'ex fidanzato della ragazza, che l'aveva convinta ad andare a un incontro, e un suo amico: hanno ripreso la violenza con i telefonini. Un terzo giovane è ai domiciliari, sarebbe l'autista

Palermo - I carabinieri hanno arrestato tre giovani perché accusati di avere violentato una ragazza e filmato la scena con i telefonini. La vittima ha denunciato la violenza subita e dopo accurate indagini la procura ha chiesto e ottenuto l’arresto. È accaduto ad Altofonte, a 30 chilometri da Palermo, dove sono stati arrestati Benedetto Lo Nigro, 28 anni, Giuseppe Lipari, 26, e Giuseppe Di Carlo, 21. A quest’ultimo sono stati concessi i domiciliari.

La violenza Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri di Altofonte e Monreale, la giovane era stata invitata alla fine di agosto dello scorso anno a un appuntamento da Lo Nigro, suo ex fidanzato. La ragazza sperava di riprendere la relazione sentimentale. E così si era fatta accompagnare da Di Carlo, amico dell’ex fidanzato. Il luogo dell’appuntamento era una zona isolata alla periferia di Altofonte. Arrivati sul posto Di Carlo ha lasciato la ragazza da sola con Lo Nigro, il quale è stato raggiunto da Lipari. I due l’hanno violentata, riprendendo la scena con i telefonini. Finite le violenze, Di Carlo è stato chiamato da Lo Nigro per riaccompagnare a casa la ragazza. La vittima ha denunciato le violenze subite in contrada Rebuttone, una zona isolata alla periferia di Altofonte. Una volta giunta sul posto, da dietro un muretto è sbucato un terzo complice, Lipari, che insieme all’ex fidanzato della ragazza l’ha violentata. Per quattro mesi la giovane non ha detto nulla. Ma lo scorso dicembre, venuta a conoscenza dell’esistenza dei filmati delle violenze che circolavano sui telefonini di alcuni ragazzi del paese, ha deciso di denunciare tutto ai carabinieri. L’indagine degli uomini dell’arma è stata coordinata dal pm di Palermo Marcello Viola.