«Il Palermo è forte? Noi di più»

Frenesia da recupero punti. Per la Lazio è il meno 11 di penalizzazione e non le squadre che dovranno essere affrontate via via in campionato, a popolare gli incubi notturni. Giusta forma mentale per una squadra che non deve guardare in faccia nessuno per risalire la china prima che sia troppo tardi. «Dobbiamo pensare a giocare per limare la penalizzazione e non all’Arbitrato», aveva detto venerdì il centrocampista Stefano Mauri. Ma a ventiquattro ore dalla sfida con il Palermo in casa biancoceleste si pensa a come fare risultato contro una squadra che in coppa Uefa ha dimostrato di essere in ottima salute oltre che fortunata.
Ma per Delio Rossi risultato significa solo tre punti. Un po’ per dimostrare all’ambiente che la sua formazione non farà rimpiangere quella della passata stagione. Molto per iniziare a limare la penalizzazione di 11 punti, senza aggrapparsi all’eventuale sconto che potrebbe arrivare in sede di arbitrato. «Siamo una buona squadra - spiega Rossi - e lo dimostreremo oggi all’Olimpico. Il Palermo è un’ottima formazione ma noi ce la possiamo giocare con loro». La sicurezza del tecnico non va scambiata per scarsa considerazione degli avversari. «La società siciliana - puntualizza - è una delle squadre più forti di questo campionato, ma lo era anche nella passata stagione. Il valore di questa squadra lo si vede non tanto dai giocatori che scendono in campo, ma da quelli che restano fuori». «Il Palermo, infatti - aggiunge - ha fatto un mercato faraonico, anche se solo il campo potrà dire se la squadra che affronteremo domani è superiore a noi. Lo scorso anno, ad esempio, lo era ma alla fine del torneo è arrivata dietro di noi».
Il tecnico laziale ha in mente di schierare Manfredini al posto di Foggia. L’esterno destro proveniente dal Milan non sembra aver ancora convinto del tutto il tecnico laziale, tanto è vero che oggi si affiderà all’esperto centrocampista Ivoriano. «Devo ancora pensare alla squadra che manderò in campo - afferma Rossi - ho convocato venti giocatori, anche se Makinwa e Foggia non stanno benissimo. Cribari? Ha avuto una leggera influenza, ma si è allenato regolarmente».
Un altro dubbio per la formazione da schierare con il Palermo è in difesa. Uno tra Cribari e Stendardo guarderà la partita dalla panchina, anche se nelle ultime ore il favorito appare il centrale italiano che, durante la settimana, ha mostrato un’ottima condizione. «Per lui sarà una gara importante - sottolinea Rossi - stimiamo il Palermo, ma noi, ovviamente, giocheremo per vincere. L’affluenza dei tifosi? Credo che l’apporto sarà lo stesso dell’anno scorso, per la Lazio è molto importante avere i propri tifosi vicino».