Palermo, maresciallo investe 32enne e scappa

Un maresciallo dei carabinieri ha investito con l'auto una giovane donna poi è scappato. La vittima, una 32enne romena, è in gravi condizioni. L'uomo è ascoltato in procura: la contestazione è per omissione di soccorso e lesioni

Palermo - Pirata della strada a Palermo. Con l'aggravante che la paersona che non ha prestato il soccorso sarebbe un maresciallo dei carabinieri. L'uomo ha investito con la sua auto una giovane donna romena poi è scappato: la vittima, 32 anni è in gravi condizioni.

La ricostruzione dei fatti Il carabiniere è ora ascoltato in procura, al momento la contestazione è per omissione di soccorso e lesioni, ma la sua posizione potrebbe aggravarsi: la donna infatti è in prognosi riservata, intubata, le sue condizioni sono gravi anche se stabili. "La posizione del maresciallo dei carabinieri, alla guida della propria auto, in licenza, libero dal servizio, è al vaglio dell'autorità giudiziaria palermitana per omissione di soccorso ed altre ipotesi di reato in relazione alle condizioni della vittima", spiegano infatti in una nota i carabinieri del comando provinciale di Palermo. Al militare sono stati ritirati immediatamente la patente di guida e i documenti di circolazione.

Il maresciallo coinvolto Il carabinieri è effettivo al servizio scorte di Palermo, al momento dell’incidente, avvenuto all’1 e 50 di notte in corso Calatafimi, era in licenza e guidava la propria auto. Dopo l’investimento è fuggito ma è stato rintracciato poco dopo. I carabinieri del nucleo radiomobile insieme alla polizia municipale proseguono "gli accertamenti per chiarire ogni dettaglio della dinamica dell'incidente stradale" e "il comando - si legge in una nota - ha avviato con rigore anche tutte le procedure di responsabilità amministrativa connesse con gli obblighi previsti dal regolamento per un carabiniere".