Palermo, uomo ucciso a sprangate in strada

Un uomo di
43 anni ucciso con colpi di spranga in via Don Orione, nel rione Monte
Pellegrino. Giovanni Bucaro, pregiudicato per traffico di droga, sarebbe stato picchiato selvaggiamente da quattro persone probabilmente per una spedizione punitiva

Palermo - Picchiato selvaggiamente e ucciso a colpi di spranga in mezzo alla strada. Giovanni Bucaro, 43 anni, che secondo la polizia aveva precedenti penali, è stato attaccato all’angolo tra via Don Orione e via Rallo, nel rione Monte Pellegrino, secondo gli inquirenti in una vera e propria spedizione punitiva. I quattro picchiatori, insomma, lo avrebbero atteso con l’intenzione di massacrarlo. Prima del pestaggio, infatti, non vi sarebbe stata infatti alcuna discussione tra Bucaro e i suoi assassini. Secondo una prima ricostruzione della polizia, intervenuta sul posto in seguito a una telefonata anonima, la vittima sarebbe stata picchiata da quattro persone.

Spaccio di droga Bucaro era accusato di essere a capo di una organizzazione che gestiva il traffico di cocaina in città. L’uomo, originario della borgata di Pallavicino, era stato arrestato l’ultima volta nell’aprile 2003 insieme ad altre 20 persone. In precedenza la guardia di finanza aveva scoperto nella sua abitazione un piccolo "tesoro" costituito da banconote in euro, dollari e assegni per complessivi 210mila euro. Bucaro all’epoca era già indagato per traffico di droga per il quale era pure finito nel 1999 in cella. La somma che i finanzieri gli trovarono era nascosta in una cassaforte occultata in un mobile che Bucaro, secondo l’accusa, aveva sistemato nella toilette dell’appartamento.