Palladino: «Pronto a fare la prima punta»

«Sono pronto anche a giocare da prima punta». Il soldato Palladino si mette sull'attenti e risponde presente alla chiamata di Gasperini per un ruolo che proprio l'attaccante napoletano ha recitato ai tempi della Primavera della Juventus. «I movimenti li conosco - aggiunge - certo sostituire Diego non sarebbe facile». Soluzione d'emergenza vista l'indisponibilità di Olivera e l'assenza di Milito.
Oggi però Gasperini farà i conti con l'oste riabbracciando il Principe, reduce dagli impegni con la sua Nazionale, e modulerà così con lui il suo impiego con il Siena. «Partita difficile - dichiara Palladino - noi siamo concentratissimi e determinati anche a fare bene dopo quanto successo l'anno scorso proprio al Ferraris». E già perché i 'vecchi' hanno ricordato a tutto lo spogliatoio che c'è da vendicare la sconfitta della passata stagione proprio con i toscani. Ma oltre al 'Palla' scalpita anche Gasbarroni che ieri, dopo il lungo stop, ha mostrato segnali di ulteriore crescita. Il tecnico rossoblù studierà le possibili soluzioni nei due allenamenti a porte chiuse in programma oggi e domani.
Intanto chi continua ad aprirsi è l'Associazione Club Genoani che domenica ospiterà una cinquantina di bambini senesi. Il gemellaggio si replicherà in Toscana con la trasferta dei giovani tifosi rossoblu e l'iniziativa dovrebbe andare in scena anche con i 'cugini' del Toro. Acg e Genoa hanno annunciato anche che presto arriverà la firma di un protocollo d'intesa che certifichi ufficialmente le iniziative dei club rossoblù.