Le pallavoliste milanesi ricominciano da Aprilia contro la loro bestia nera

Archiviato con successo una prima parte di torneo decisamente soddisfacente, L'Europea 92 Volley Milano affronta il girone di ritorno del campionato di A2 ripartendo dalla sfida di oggi pomeriggio ad Aprilia. All'andata le ragazze dell'Acqua e Sapone strapparono due punti alle Original Girls al termine di cinque tiratissimi set e due ore di gioco. Si è trattata dell'unica sconfitta subita finora al tie-break dalle milanesi. «Noi però eravamo una squadra ancora sotto organico - ci tiene a sottolineare il direttore generale del Volley Club Milano, Antonio Vagliengo - e non avevamo ancora con noi Nikolle Del Rio».
Quella di Aprilia è la seconda trasferta consecutiva per Milano, dopo il vittorioso 3-0 di lunedì sera a Forlì che ha confermato la squadra del presidente Russiello in testa alla classifica, sebbene a pari punti con Piacenza e Villa Cortese. «La squadra è concentrata e determinata a vincere - conferma il general manager Vagliengo, alla prima stagione a Milano dopo due anni a Chieri in A1 -, perché ogni partita è importante per mantenere quello che siamo riusciti a costruire nel girone di andata. C'è grande voglia di continuare a far bene, ma non possiamo permetterci di sottovalutare nessuna avversaria».
Che gara aspettarci dunque al Palavinium di Pomezia? «Dovremo giocare con grande intensità, perché conosciamo bene il valore di Aprilia. Si tratta di una formazione molto valida, allenata da Luca Cristofani, uno che sta dimostrando di essere davvero capace. Inoltre non dimentichiamoci che dall'altra parte del campo ci scontreremo con la top scorer del campionato, la colombiana Moreno, schiacciatrice da 27 punti di media a partita».
Parlando anche degli impegni di Piacenza e Villa Cortese, le squadre con cui condividete il vertice, quale delle tre ha l'impegno più facile? «Discorso difficile, perché questa A2 è davvero equilibratA. Diciamo che sulla carta la partita più abbordabile è quella di Piacenza, che giocherà in trasferta a San Vito. Ma anche quella pugliese è una squadra da prendere con le molle. Ha più volte dimostrato di saper fare il colpaccio e avrà il vantaggio di giocare in casa, davanti al suo pubblico. Non dimentichiamoci però che Piacenza è la formazione con l'organico più forte di tutte».