Un pallone a tinte più rosse

Davvero una fortuita coincidenza la designazione di Francesco Saverio Borrelli, già contestato capo alla Procura della Repubblica in Milano, al vertice della Lega Calcio. Il sullodato infatti era manifestamente noto quale «sinistrorso», talmente «sinistrorso» da venire invitato da superiori gerarchici a non colorare di «rosso» ogni proprio intervento.
A breve dovranno risultare «sinistri» i vertici amministrativi delle direzioni ministeriali ed anche i quadri direttivi delle forze armate (inclusi carabinieri) e tali i venturi prefetti e questori.
Chissà che... divenga obbligatoria la tessera «comunsocialconfusionista» anche per l’avviamento al lavoro o la precedenza per un più pronto accertamento sanitario e finanche con l’attenzione del primario!
E mettiamo punto per non incorrere nel «crucifige» da parte di una tonaca nera «bordata di rosso».