Palmari: Hp allarga la famiglia iPaq

Due Pda, un navigatore handheld e due smartphone 3G rinnovano l’offerta per il business mobile del colosso It. Che ha rinfrescato le proprie strategie nel personal computing

New York - Cinque nuovi device, altrettanti software inediti e servizi innovativi sono i protagonisti del maggiore ampliamento della linea iPaq fin qui effettuato da Hp. Il lancio è avvenuto nel corso di un evento organizzato per presentare la nuova strategia di Hewlett Packard nel personal computing consumer e business. I nuovi prodotti saranno presto annunciati anche in Europa. I prezzi qui indicati sono quelli per il mercato americano.

I device nuovi di zecca sono due Pda (personal digital assistant), un navigatore palmare e due smartphone Umts, rispettivamente con funzionalità spinte di navigazione Gps e di messaggistica.
Cominciamo dall’iPaq 100 Series Classic Handheld. Si tratta di un Pda dallo spessore di appena 13 millimetri, che offre un compromesso tra economicità (il prezzo negli Stati Uniti è di 299 dollari), comfort, design rinnovato e disponibilità di software. Il Pda utilizza si basa su sistema operativo Window Mobile 6 e offre connettività Wi-Fi e Bluetooth. Il prodotto ha anche funzionalità di riproduttore di file video e musicali, permettendo così all’utente di affiancare al cellulare solo un altro dispositivo per la produttività individuale e l’intrattenimento.

iPaq 200 Series Enterprise Handheld è invece il nuovo Pda più specificatamente rivolto all’utenza aziendale (prezzo a partire da 399 dollari), caratterizzato da un display da 4 pollici. Il monitor consente la visualizzazione sia widescreen sia portrait ed usa una tecnologia Vga, che lo rende particolarmente adatto sia alla navigazione Web sia all’utilizzo di software aziendali. L’iPaq 200 è pensato per far girare applicazioni business, in particolare di Crm (gestione relazioni con i clienti) e di supply chain management (gestione della logistica). Con una scheda opzionale può essere usato come uno scanner di codice a barre. Grazie al supporto Wi-Fi si trasforma anche in un terminale VoIp per le comunicazioni aziendali. «Con questo Pda», spiega Alberto Bozzo, vice presidente e general manager per la regione Emea del Personal Systems Group prodotti commerciali di Hp, «abbiamo introdotto la possibilità di completa personalizzazione da parte di terze parti. Del resto, oggi i Pda sono un mercato in declino per quanto riguarda l’utenza consumer (che si orientano agli smartphone, che integrano telefonia, messaggistica e entertainment, ndr), ma che offre ancora interessanti opportunità per le applicazioni enterprise. Pensiamo ad esempio alle aziende che hanno molte persone impiegate nell’assistenza sul campo, come i produttori di ascensori. Oppure i produttori e distributori di prodotti di largo consumo che utilizzano applicazioni di sales force automation (Sfa)».

Dispositivi e servizi Web

La risoluzione video – definita di “livello Dvd” – è il punto di forza dell’ iPaq 300 Series Travel Companion, un navigatore satellitare palmare con uno schermo da 4,3 pollici widescreen. Prezzo: 399 dollari. Il Travel Companion viene presentato come il primo prodotto del suo genere a supportare la visualizzazione di mappe stradali in 3D oltre a garantire un accesso più rapido ai dati Gps. Il device può essere connesso al telefonino via Bluetooth. Anche il Travel Companion può essere utilizzato come potente riproduttore di file musicali mp3, di video e foto. Hp ha annunciato, per la fine della stagione, il debutto di un portale Web che aiuterà gli utenti a personalizzare i propri itinerari e fornirà servizi di tipo “location based”. Anche l’iPaq 300 Series, oltre a tutti gli altri nuovi device Hp dotati di funzionalità di navigazione, potranno sfruttare questo servizio.

L’iPaq 600 Series Business Navigator (costo: 599 dollari) è invece uno smartphine che integra le funzionalità di navigatore satellitare alle funzionalità di un cellulare Umts/Hsdpa. Nel mirino ci sono gli utenti che possono trarre vantaggio da un’unica tecnologia per comunicare e accedere a mappe: per esempio i tassisti. Il Business Navigator permette di fare tutte queste cose con una mano sola. La tastiera include, oltre a 12 tasti, una rotellina sensibile al tatto per navigare nello schermo un po’ come avviene utilizzando gli iPod di Apple.

L’iPaq 900 Series Business Messenger è la risposta di Hp alla diffusione che sta avendo il Blackberry, l’handheld con funzionalità di messaggistica, telefonia e produttività di Rim. Anche il prodotto di Hp ha una tastiera Qwerty ma, invece di utilizzare una piattaforma di messaging proprietaria come il Blackberry, si basa su tecnologie Microsoft e standard Internet.
Entrambi i due telefonini intelligenti permettono la navigazione Gps, integrano il software Google Maps Mobile, dispongono di connettività Wi-Fi e possono, quindi, anche essere usati come terminali VoIp. Collegati via cavo a un notebook, grazie al software Hp Device Connect si trasformano in interfacce per l’accesso ad alta velocità a Internet wireless.

Oltre che come produttore di hardware, Hp si presenta come sviluppatore si applicazioni ed erogatore di servizi per il mercato del business mobile. «Abbiamo trent’anni alle spalle come fornitori delle aziende di telecomunicazioni», ha ricordato un manager della divisione prodotti mobile. Su questa base l’azienda di Palo Alto ha sviluppato software per la configurazione di flotte di dispositivi, l’asset management e la sicurezza. «Ogni mese oltre diecimila device mobile vengono dimenticati sui taxi di New York», ha raccontato un manager di Hp. «Pensate al rischio che corrono i dati aziendali memorizzati su questi dispositivi. Con la nostra Enterprise Mobility Suite gli It manager possono bloccare e sbloccare da remoto l’utilizzo dei Pda».

Bozzo ha spiegato che questa ondata di nuovi prodotti mobile sarà seguita da una seconda intorno alla primavera del prossimo anno. Allora si vedrà più nettamente, anche su questa categoria di prodotti, l’impatto della nuova strategia per il personal computing di Hp, che punta molto sul design e sul “connected digital lifestyle”. I prossimi handeld strizzeranno ancora di più l’occhio all’utenza consumer. I concorrenti sono avvertiti.