Palmi Sparano a un avvocato ucciso per sbaglio un operaio

C’è un testimone nell’agguato avvenuto sabato sera a Palmi il cui obiettivo era l’avvocato penalista Francesco Nizzari, rimasto ferito, e nel quale è stato invece ucciso per errore un innocente, Martino Luverà, operaio di 33 anni. Nizzari è stato raggiunto da quattro colpi di fucile a pallettoni che lo hanno colpito all’addome e al basso ventre. Un solo colpo, ma fatale, quello che ha colpito al cuore invece Luverà. Scampato invece il poliziotto che si trovava con Nizzari, del quale è amico, e con cui era uscito dallo studio legale nel momento in cui è entrato in azione l’assassino.L’agente, sentito dagli investigatori, non ha fornito particolari sulle modalità dell’agguato, che è avvenuto in una zona scarsamente illuminata. Il teste, tra l’altro, non avrebbe saputo precisare neppure se il responsabile dell’agguato fosse a viso scoperto o mascherato. Anche Martino Luverà era insieme ad un’altra persona, un cugino, insieme al quale si stava recando da una parente che abita poco distante dallo studio di Nizzari.