Palombelli: «Offesa dal Cda del Corriere»

Ho dato mandato ai miei avvocati di prendere tutte le iniziative legali, penali e civili, a tutela della mia onorabilità, in seguito alle dichiarazioni apparse ieri sul quotidiano «Il Giornale» in una lettera a firma Sebastiano Grasso. La ricostruzione dei fatti offerta dal Grasso, a nome del Cdr del giornale, è totalmente destituita di ogni fondamento, così come è assolutamente fantasiosa, ridicola e inventata la circostanza che attiene al compenso da me percepito nei sei anni di collaborazione. Tali affermazioni, pronunciate da un rappresentante del sindacato dei giornalisti, sono gravemente lesive della mia professionalità e della mia immagine pubblica.