Palombo: «Niente scherzi... perché vogliamo l’Europa»

Abbonamenti record nel primo giorno Oggi incontro decisivo per Vincenzo Montella

Inizio di stagione con una piega diversa: vuoi perché la Samp è stata la prima a cominciare, vuoi perché sarà la prima a scendere in campo per una gara ufficiale. Insomma, nel ritiro di Moena, si sta facendo sul serio. Non si cura solo la preparazione fisica, perché mancano nove giorni all'esordio in Intertoto e questa gara, Mazzarri la vuole preparare con tutta l'attenzione possibile. C'è un gruppo nuovo ed un modulo sconosciuto, c'è da studiare per non farsi trovare impreparati all'esordio. Ci tengono i giocatori blucerchiati che di brutte figure non ne vogliono fare: lo sa bene Angelo Palombo, che in questo avvio di ritiro, tanta è la concentrazione e la stanchezza per il lavoro impostato da Mazzarri, non è ancora riuscito a dedicarsi agli scherzi, consuetudine del ritiro di Moena: «La fatica si sente e il tempo è poco - scherza Palombo -. Non riusciamo a combinare scherzi. Ma lo troverò, prometto: Gigi Sala stia attento, è nella stanza vicino alla mia».
Tempi più serrati, allenamenti più intensi, il mister accelera, «è dura ma questo lavoro è fondamentale se vogliamo condurre al meglio tutta la stagione. Stiamo lavorando su più fronti e tanto soprattutto sulla parte tattica - spiega il nuovo leader blucerchiato -. Il mister ha il suo modo di giocare ed è giusto che ci si lavori subito con grande attenzione. Bisogna assimilare la difesa a 3, una maniera diversa da quella cui eravamo abituati a muoverci sul campo». Sabato, nel primo test amichevole contro i Monti Pallidi ci sarà la «prima». Non giocherà comunque Vincenzo Montella, anche se l’incontro fissato per oggi pomeriggio a Roma fra Beppe Marotta e il ds giallorosso Pradé, andasse a buon fine. Nel caso, infatti, l’«aeroplanino» arriverebbe in ritiro il giorno stesso.
Il test di sabato diventa importante essendo l'unico prima della trasferta in Europa: «Ci teniamo tanto a questa qualificazione europea - continua Palombo -. La Uefa è un bel traguardo, giocare in giro per il continente, in grandi stadi, è un sogno, ma se si parla senza fare i fatti non si va da nessuna parte».
Chi le trasferte di coppa le conosce bene è il giovane Reto Ziegler, che in questa competizione la conosce bene essendosi misurato con Amburgo, Grassopphers e Tottenham: È un sogno per ogni calciatore poter fare le coppe - racconta lo svizzero -. Ci aspetta una sfida difficile, d'accordo, ma se vogliamo andare avanti bisogna solo vincere». Ieri il segretario generale della Sampdoria Umberto Marino era in Bulgaria per studiare la trasferta doriana che, con tutta probabilità, sarà contro il Cherno More Varna impostasi nella gara d'andata per 4-0 sul Makedonija Gjorce Petrov di Skopje.
Intanto nel primo giorno di vendita libera è boom di abbonamenti per la Sampdoria. Nella sola giornata di ieri sono state sottoscritte più di mille nuove tessere, sforando la soglia dei 14mila abbonati.