Pancalli sicuro «L’Italia non ha deluso Platini»

Chi si aspetta vendette in nome della finale persa a Berlino rimarrà deluso. Almeno questo è quanto emerge dalle parole del commissario straordinario della Federcalcio Luca Pancalli, che è intervenuto in merito all’elezione di Michel Platini alla presidenza della Uefa. E a chi velenosamente prevede ritorsioni nei confronti dell’Italia del pallone a causa della scelta azzurra di supportare l’altro candidato, lo svedese Lennart Johansson, Pancalli replica: «Michel sa e io so. Vi assicuro: Platini non è deluso dall’Italia».
Intervistato a Sat2000, il commissario ha chiarito la posizione della delegazione italiana a Düsseldorf, dove la simpatia personale per Platini è stata surclassata dalle indicazioni della Lega, favorevole a Johansson. «Il ministro Melandri - ha continuato Pancalli - non è mai stato contrario a Platini, mentre Matarrese ha pubblicamente dichiarato di preferirgli Johansson. Bisogna pur essere coerenti...». La sua - di preferenza - sembra invece andare a Le Roi: «Con Michel si è creato un bel feeling. Vince un grande uomo di sport che cerca l’equilibrio tra interessi economici e valori. Abbiamo bisogno di umanità, di riappropriarci della bellezza di questo sport».
Infine il suo futuro: «Non mi candido alla presidenza della Figc, non appartengo a questo mondo. Quelli del mio mandato sono stati 4 mesi importanti, ma fisicamente massacranti».