Pandev scatenato Rocchi stakanov Meghni fantasma Mauri involuto

BALLOTTA 6: essere titolare a 44 anni e sostituire uno come Peruzzi non è semplice e il portiere bolognese alterna errori marchiani a parate incredibili. 39 presenze, 51 gol subiti.
MUSLERA 5: doveva essere l’alternativa a Carrizo, sulla sua stagione pesa la serata disastrosa con il Milan, che ne condiziona il rendimento successivo. 11 presenze, 17 gol subiti.
CRIBARI 5,5: campionato altalenante, tanti errori banali che non aveva mai mostrato. Paga anche lui la poca tranquillità dell’ambiente. 42 presenze.
DE SILVESTRI 5,5: non è stato all’altezza delle aspettative, complice la stagione no della Lazio. 34 presenze, 1 gol.
KOLAROV 5,5: partenza confortante per il giovane slavo, promessa della sua nazionale, che ha supportato bene la lunga assenza di Zauri. Calo nel finale. 32 presenze, 3 gol.
RADU 6: uno dei rinforzi di gennaio, il romeno si dimostra perno infaticabile, guadagnandosi un posto da titolare. 15 presenze.
ROZENHAL 5,5: altro acquisto del mercato di riparazione, il difensore ceco ha giocato poco, dimostrando però delle buone qualità. Può fare meglio. 10 presenze.
SIVIGLIA 5: stagione sfortunata con problemi fisici a raffica. Inevitabile che fossero inficiate le sue prestazioni. 27 presenze, 1 gol.
STENDARDO 5,5: titolare per i guai fisici di Siviglia, ha fatto ciò che ha potuto. Poi a gennaio il trasferimento alla Juventus. 22 presenze.
ZAURI 5,5: anche il capitano non ha vissuto una stagione brillante, complice un grave infortunio. Nel finale di campionato prove generose. Campionato: 28 presenze, 2 gol.
BARONIO SV: non c’è mai stato feeling con Delio Rossi, impiego sempre limitato. Un’altra stagione da spettatore. 18 presenze, 1 gol.
BEHRAMI 6,5: stampato nella memoria dei tifosi laziali il gol che al 92’ ha deciso il derby del 19 marzo scorso. Fa il terzino e l’ala, risultando spesso uno dei migliori. 32 presenze, 2 gol.
DABO 6,5: un gradito ritorno, si è conquistato subito la fiducia del mister, mettendo la sua tecnica al servizio del centrocampo. 15 presenze.
DEL NERO SV: non si è praticamente mai visto, complici infortuni in sequenza. 10 presenze.
FIRMANI SV: confinato in panchina o addirittura in tribuna. Unica cartolina della sua stagione, il gol segnato al Parma sei giorni dopo la morte del povero Gabbo. 8 presenze, 3 gol.
LEDESMA 6: l’argentino si è visto solo in parte. Innegabile la sua classe che fa un giocatore indispensabile, ma ha vissuto una stagione altalenante. 43 presenze, 3 gol.
MANFREDINI 4,5: deludente per tutta la stagione, non ha sfruttato al meglio le possibilità che gli sono state offerte. 32 presenze, 1 gol.
MAURI 5: la splendida annata scorsa è un lontano ricordo. Partito titolare, poi è stato via via accantonato e solo a sprazzi ha mostrato il suo valore. 33 presenze, 3 gol.
MEGHNI 4,5: della sua stagione si ricordano forse tre partite di alto livello, per il resto buio totale. 24 presenze.
MUDINGAYI 5,5: inizio molto positivo e buone prestazioni anche in Europa. Poi è stato pian piano confinato in panchina da Delio Rossi, complice l’arrivo di Dabo. 35 presenze.
MUTARELLI 5,5: anche lui è rimasto al di sotto della bella stagione precedente, anche se ha regalato molte prestazioni generose. 37 presenze, 3 gol.
BIANCHI 6: il rinforzo più importante di gennaio. Nel primo mese non incide molto per una condizione fisica non ottimale, poi il gol da ex alla Reggina e altre reti nel tridente impostato da Rossi. 17 presenze, 4 gol.
PANDEV 7,5: record personale di gol in una stagione, le sue prestazioni tengono viva la Lazio anche nei periodi difficili. Tandem d’attacco fortissimo con Rocchi, potrebbe cedere alla tentazione di un club straniero. 42 presenze, 15 gol.
ROCCHI 7: lo «stakanovista» della Lazio. Tira e molla sul rinnovo del contratto (la firma a febbraio), ma in campo risponde con professionalità. In doppia cifra realizzativa da cinque anni. 48 presenze, 19 gol.
TARE 5: non dà un grande contributo, giocando spesso finali di partite e raramente da titolare. 26 presenze, 2 gol.
VIGNAROLI SV: arrivato a gennaio per rinforzare il reparto d’attacco, impiego in spezzoni di partita. 11 presenze.
Artipoli sv (2 presenze), Diakhite sv (1 presenza).