«Pane e cicoria», omaggio a Rutelli

Una baguette alla cicoria, tagliata a fettine e inondata di Lambrusco. Questo l’aperitivo che sarà servito oggi in uno dei ristoranti allestiti al Meeting di Cl in occasione dell’arrivo del leader della Margherita Francesco Rutelli per ricordare la metafora che l’ex sindaco di Roma aveva coniato a fine maggio per ribadire il no dei Dl alla lista unitaria di Romano Prodi. La ricetta è di Giovanna Ruo Berchera, autrice insieme a Paolo Massobrio, di «Avanzi d’autore», un libro presentato proprio alla kermesse riminese e che consiglia la cucina «degli avanzi» rivisitata da dodici grandi chef. «Pane e cicoria - ha sottolineato Paolo Massobrio, che è anche titolare di una rubrica di “enogastronomia politica” - per ironizzare su un frasario tutto all’italiana che non ha mai messo fuori uso i tarallucci e il vino, che ha scatenato la fantasia e la creatività di grandi cuochi ma che è anche un nuovo modo di lanciare messaggi in politichese passando per la cucina». Ormai la cucina e il suo vocabolario giocano un ruolo fondamentale nella politica, non solo italiana, tanto che il coautore ha ricordato come recentemente si sia sfiorata una «crisi» europea a causa della carne di renna. Nel menù che sarà servito stasera non mancheranno poi la mortadella di Correggio e il pesto alla genovese, il tutto annaffiato da un vino rosso di Bolgheri: il Cavaliere.