La «pantera rosa» della duchessa di Windsor, battuto all'asta a oltre 5 milioni

Un bracciale con al centro un diamante dalla forma di felino, appartenuto a Wallis Simpson, ha toccato ieri alla casa d'asta Sotheby's di Londra, la cifra record mai raggiunto per un gioiello Cartier. Altri 2 milioni di euro sono stati spesi per una clip a forma di fenicottero, sempre disegnato dal famoso gioielliere

Da sempre è stata considerata una delle donne più elegani del mondo e a 24 anni dalla sua morte, Wallis Simpson ha confermato questa fama, mandando alle stelle le quotazioni dei suoi gioielli messi all'asta dalla famosa casa londinese Sotheby's. Venti pezzi battuti a quasi dieci milioni di euro, con un bracciale a forma di pantera arrivato a superare i cinque milioni. D'altronde se Eodardo VIII per lei rinunciò al trono d'Inghilterra una ragione ci sarà ben stata.
Nata a Baltimora nel 1895 ebbe una vita quanto meno avventurosa. Due matrimoni e due divorzi, ma soprattutto una vita molto libera che la portò all'inizio degli anni '30 anche a Shanghai, dove, sempre in base alla leggenda, divenne amante di Galeazzo Ciano, destinato nel 1933 insieme alla moglie Edda Mussolini, in qualità di console. Qui avrebbe raffinatezze sessuali che nel 1934 avrebbero fatto perdere al testa a Edoardo di Windsor di un anno più grande. Una relazione che divenne scandalo soprattutto quando il 20 gennaio 1936 morì il padre Giorgio V, aprendogli la successione al trono. La decisione del monarca di convolare a nozze con la pluridivorziata americana con una reputazione di arrampicatrice sociale causò infatti una crisi costituzionale nell'Impero britannico, che si concluse solo l'11 dicembre con la decisione di Edoardo VIII di abdicare a favore del fratello Giorgio VI, padre dell'attuale regine Elisabetta II. Una scelta che proiettò per sempre Edoardo e Wallis nella leggenda.
Edoardo, il 3 giugno 1937 sposò Wallis Simpson nel Castello di Condé a Monts in Francia con una cerimonia privata, senza la presenza di alcun membro della famiglia reale inglese. Successivamente i rapporti tra i duchi di Windsor e la famiglia reale si sono mantenuti freddi e i duchi di Windsor tornarono una sola volta sul suolo britannico nel 1952 per il funerale di Giorgio VI. Il matrimonio durò fino al 1972 quando morì per primo Edoardo, seguito nel 1986 dalla moglie, che aveva trascorso quegli ultimi 14 anni nel volontario esilio nella sua villa nel Bois de Boulogne.
I nei giorni scorsi alcuni gioielli della Duchessa di Windsor sono stati messi in vendita dalla casa d'asta Sotheby's. Il pezzo più pregiato un braccialetto, con un diamante a forma di pantera disegnato da Cartier, è stato battuto a 4.5 milioni di sterline, pari a 5.4 milioni di euro. Mai un braccialetto, e mai in generale un oggetto Cartier, aveva raggiunto un prezzo così elevato. Il monile è parte di un totale di 20 pezzi appartenuti al Duca e alla Duchessa di Windsor, che hanno ottenuto poco meno di 8 milioni di sterline, circa 9,5 milioni di euro, contro una previsione di meno della metà.
Il prezzo più elevato, dopo il braccialetto di Simpson, è stata una clip a forma di fenicottero, sempre di Cartier, con rubini, zaffiri, smeraldi e diamanti, che ha ottenuto 1.721.250 di sterline, circa 2 milioni di euro. David Bennet, presidente della Sotheby's Jewellery per l'Europa, ha commentato che la duchessa era «una leader della moda e l'epitome dell'eleganza e della raffinatezza per la sua generazione e la successiva». E i prezzi raggiunti dai suoi gioielli lo stanno ancora a testimoniare.