Panucci grande vecchio: le sue cento fatiche in Europa finiscono sull’«Equipe»

nostro inviato a Bordeaux

Le sue cento candeline europee vengono festeggiate anche dall’Equipe. «L’età d’oro di Panucci», è il titolo dell’articolo che il più importante quotidiano sportivo francese dedica al difensore ligure alla vigilia del match di Bordeaux. La carta d'identità, nel suo caso, ha un'importanza davvero marginale. Stasera Christian entrerà nel club dei più grandi, la ciliegina di un inizio di stagione davvero eccezionale: tre gol segnati, un quarto ingiustamente annullato a Genova e adesso Materazzi, il difensore più prolifico della serie A, è a soli tre passi. «Ma io non ho mai segnato su rigore», ricordava con orgoglio domenica scorsa Panucci, raffigurato dal giornale transalpino con tutte le maglie vestite in 18 anni di carriera. Stasera ritroverà anche Laurent Blanc, suo compagno all’Inter e secondo le statistiche Uefa il cannoniere più anziano della storia della Champions (a 37 anni fece gol all’Olympiacos con la maglia del Manchester). Forse un po’ d’invidia Panucci ce l’ha, ma a Bordeaux vuole dimostrare che l'eterno ragazzo è pronto per un'altra battaglia europea.