Panucci: "Sono pronto". Ma andrà in panchina

Il difensore della Roma è pronto ma Donadoni partirà dal quartetto difensivo che al momento
raccoglie i maggiori consensi e cioè Zambrotta, Barzagli, Materazzi e
Grosso

Baden - «Pronto a giocare contro l’Olanda» garantisce Panucci e così l’allarme svanisce, secondo previsione scontata. Ha un sassolino nella scarpa («persi il mondiale per colpa di Lippi») e un rapporto non esaltante da segnalare («non ho il telefonino di Spalletti») ma domani sera a Berna rischia di accomodarsi in panchina. Donadoni può cominciare dal quartetto difensivo che al momento raccoglie i maggiori consensi e cioè Zambrotta, Barzagli, Materazzi e Grosso. L’altro dubbio del ct azzurro è a centrocampo dove al fianco di Gattuso e Pirlo può prendere posto De Rossi: nessuno se la sente di lasciare fuori il romanista. Specie se è possibile schierare De Rossi davanti alla difesa e alternare Pirlo sui lati in modo da sottrarlo a qualsiasi controllo. Nessun dubbio invece in attacco dove Camoranesi (ieri mal di testa, risparmiato) può fare compagnia scontata a Toni e Di Natale.