Paolo Berlusconi acquisisce il 38 per cento de «Il Foglio»

Pbf Srl, la holding di partecipazioni che fa capo a Paolo Berlusconi, editore di riferimento de il Giornale, diventa azionista di maggioranza relativa del quotidiano Il Foglio. La holding, con l’acquisizione del 38% della Foglio Edizioni, intende «rafforzare - si legge in una nota - la presenza del gruppo di Paolo Berlusconi nel settore dell’editoria». A Pbf, infatti, fanno già capo, insieme al quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, i magazine editi dalla società Newspaper Milano (Espansione, Il Giornale delle Assicurazioni e BancaFinanza) nonché Arcus Multimedia, concessionaria per la pubblicità locale de il Giornale e per quella di diverse radio e televisioni.
Con l’ingresso della holding di Paolo Berlusconi, il nuovo assetto della società che edita Il Foglio sarà il seguente: Pbf 38%, Unione editoriale e Diana Zuncheddu 27%, Denis Verdini 15%, Colasanti 10% e Giuliano Ferrara, fondatore e direttore del quotidiano, 10 per cento.
«Il tutto è maturato qualche settimana fa - spiega Alessia Berlusconi, figlia primogenita di Paolo, presidente di Pbf e consigliere di amministrazione della Società Europea di Edizioni che edita il Giornale -; la holding del quotidiano diretto da Ferrara ha messo a disposizione la quota del 38% e il nostro gruppo ha deciso di farla propria. È chiaro il fine dell’operazione: focalizzare sempre più l’attenzione di Pbf nel settore editoriale. E questo dopo una serie di iniziative in attività di business diversificate, come nel campo biomedicale e in quello della mobilità. Nostro obiettivo è creare sinergie industriali ed economiche tra il Giornale e il quotidiano fondato da Giuliano Ferrara».