Paolo, il milanese che vola sullo Shuttle

Il 9 agosto 2007 sarà il «regista» sulla navetta Usa

Sarà il primo milanese nello spazio. Paolo Nespoli, astronauta dell’Agenzia spaziale europea (Esa) farà parte della missione «Sts-120». Il 9 agosto 2007 partirà a bordo dello shuttle Atlantis, che dovrebbe farlo volare nello spazio per dodici giorni. Tanto durerà infatti la missione, considerata una tra le più complesse dello Shuttle. Lo scopo è di portare in orbita il «Nodo 2» (di costruzione italiana), un elemento di connessione fra i tre moduli della Stazione spaziale internazionale (Iss). I sette membri dell’equipaggio, guidati da una donna, il colonnello dell’Air Force Pamela Melroy, dovranno compiere ben tre «passeggiate» spaziali, e Nespoli, 49 anni, sarà il «regista».
L’astronauta milanese dovrà coordinare le attività extraveicolari e manovrare il braccio robotizzato per controllare lo stato dello shuttle durante il volo. «Mi sembra di essere un atleta che si è addestrato per correre una maratona e adesso finalmente sono al blocco di partenza», ha raccontato.