Papà traditore, orgogliosa di mio fratello

«La volevo ringraziare per avere pubblicato la lettera di mio fratello e per averle dato la prima pagina! Non sapevo nulla di quello che Davide aveva in mente. Mi ha solo detto la mattina di prendere Il Giornale in edicola e ho trovato la sorpresa! Non sa che effetto mi ha fatto! Ho provato tanta stima per mio fratello e tanto amore per la mia famiglia». Dopo la lettera di Davide T., pubblicata nei giorni scorsi, ora interviene la sorella. Che si dichiara d’accordo sulla sua iniziativa e si unisce all’appello al padre perché smetta di tradire la moglie. E sulle pagine del Giornale continua intanto il dibattito tra i lettori: fino a che punto è giusto che i figli si occupino della vita dei genitori?