Il Papa in Campidoglio, lunedì storico

Il momento è attesissimo: domani mattina alle 10,50 Benedetto XVI, terzo pontefice a salire sul colle capitolino dopo Giovanni Paolo II e Paolo VI, sarà accolto in Campidoglio dal sindaco Gianni Alemanno, con la moglie, e dal cardinale vicario di Roma Agostino Vallini.
Il tempo di ammirare lo splendido panorama sui Fori romani che si gode dall’ufficio del sindaco, dopo un breve colloquio privato con lui, di salutare subito dopo gli assessori e i funzionari comunali nella sala dell’Arazzo e di firmare il «Libro d’oro» nella sala delle Bandiere, poi, alle 11,30, durante una seduta straordinaria del consiglio comunale, Papa Ratzinger terrà un primo discorso, davanti alle istituzioni, nell’aula Giulio Cesare, dove è stata già apposta una targa celebrativa («A Sua Santità Benedetto XVI i cittadini romani nel giorno dedicato a Santa Francesca Romana con l’impegno di fare di Roma la capitale della vita e della solidarietà»). Alle 12,20 il pontefice prenderà ancora la parola, dalla Loggia del Palazzo senatorio, questa volta per rivolgersi ai cittadini che lo aspetteranno in piazza del Campidoglio.
Una visita di un’ora e mezza, che metterà a dura prova la viabilità del centro storico. La presenza delle forze dell’ordine che dovranno garantire la massima sicurezza a Benedetto XVI, soprattutto durante lo spostamento tra il Vaticano e il Campidoglio, sarà massiccia ma discreta. La vigilanza vaticana ha già effettuato diversi sopralluoghi e domani, fin dalle prime ore della mattina, polizia e carabinieri controlleranno l’intero centro storico. Ai vigili urbani spetterà il compito di limitare al minimo i disagi per gli automobilisti, anche se si prevedono forti difficoltà soprattutto nella zona di piazza Venezia, largo di Torre Argentina, Botteghe Oscure e via del Teatro Marcello. Sono stati approntati tre percorsi alternativi, nel caso si dovessero verificare eventi imprevisti, per il corteo che si muoverà dal Vaticano alle 10,40. Al termine della visita in Campidoglio il pontefice visiterà il monastero di Santa Francesca Romana, a Tor de’ Specchi. Alle 13,15 fine della gita.
In piazza del Campidoglio, ad aspettare Benedetto XVI, ci saranno centina rappresentanti delle Acli, ben visibili con bandierine, cappellini e i loro bambini. «C’è grande entusiasmo per questa giornata - sostiene Gianluigi De Palo, presidente Acli di Roma - che ci vedrà impegnati anche nel servizio d’ordine in piazza attraverso il nucleo Acli che abbiamo tra i dipendenti comunali». Commentanto la visita in Campidoglio ai microfoni di Radio Vaticana, il cardinale Vallini ha detto che «i romani vogliono molto bene al Papa» e dunque questi incontri con «il suo popolo» «certamente lo incoraggiano, lo sostengono»
Francesco Storace, segretario nazionale e capogruppo in Campidoglio de La Destra, polemizza con i laici: «È penoso - sostiene - che mentre il Papa salirà in Campidoglio a Roma si possa svolgere una contromanifestazione di presunti laici, strombazzata su internet per denunciare la Chiesa nella storia. Hanno scambiato il Comune per l’università La Sapienza, dove al pontefice è stato negato l’accesso. Roma è invece onorata e guarda con tristezza alla solita sceneggiata radical-chic».