Papa negli Stati Uniti: "Profonda vergogna per i preti pedofili"

Benedetto XVI farà "tutto il possibile" perché non si
ripetano i casi che hanno scosso la Chiesa
cattolica negli Usa. E avverte: "I pedofili saranno esclusi
dal sacerdozio"

Città del Vaticano - Il Papa si è impegnato a fare "tutto il possibile" perché non si ripetano i casi dei preti pedofili che hanno scosso la Chiesa cattolica negli Stati Uniti. "I pedofili saranno completamente esclusi dal sacerdozio", ha assicurato Benedetto XVI conversando in aereo con i giornalisti durante il viaggio verso Washington, prima tappa della visita negli Stati Uniti.

L'attacco alla pedofilia "Ci vergognamo profondamente e faremo tutto il possibile affinché questo non si ripeta in futuro". La visita di Ratzinger è la prima di un papa negli Stati Uniti da quando nel 2002 esplose lo scandalo degli abusi sessuali dei sacerdoti, che ha costretto le diocesi a pagare danni per oltre due miliardi di dollari. Benedetto XVI ha assicurato che la Chiesa cercherà di selezionare i candidati al sacerdozio "in modo che solo le persone davvero integre possano esservi ammesse". "E' più importante avere buoni preti che avere molti preti", ha sottolineato il Pontefice ricordando che lo scandalo degli abusi sessuali ha causato "gravi sofferenze" alla Chiesa negli Stati Uniti. "Se leggo le storie di quelle vittime - ha affermato - è difficile per me comprendere come sia stato possibile che i sacerdoti abbiano tradito in questo modo la loro missione di alleviare, di dare l’amore di Dio a quei bambini".

Ottavo viaggio del pontificato Il Santo Padre ha lasciato in mattinata Roma su un volo diretto a Washington per affrontare la sua prima visita negli Stati Uniti dall’inizio del pontificato. Il Boeing 777 dell’Alitalia su cui viaggia Benedetto XVI ha lasciato stamattina l’aeroporto di Fiumicino e atterrerà alla base dell’aviazione militare di Andrews dove sarà accolto dal presidente George W. Bush. Domani Bush darà il benvenuto ufficiale al pontefice in una cerimonia alla Casa Bianca, che coinciderà con l’81esimo compleanno di Benedetto. Durante la visita statunitense, il Papa celebrerà anche il terzo anniversario della sua elezione, e si recherà a New York per pronunciare un discorso davanti all’assemblea delle Nazioni Unite. La visita si concluderà domenica con una visita a Ground Zero, il luogo in cui sorgevano le Twin Towers abbattute negli attentati dell’11 settembre 2001.