Papa Ratzinger torna in cattedra per i bambini

Benedetto XVI farà catechismo: presto pubblicato il suo testo della dottrina

Andrea Tornielli

da Roma

L’annuncio lo ha dato all’Angelus di ieri, davanti a una Piazza San Pietro stracolma di fedeli come accade ormai ogni domenica da quando è stato eletto: Benedetto XVI farà una vera e propria lezione di catechismo ai bambini che quest’anno hanno fatto la Prima Comunione. Il fine teologo, l’ex custode dell’ortodossia cattolica da sempre attento alla «fede dei semplici» ora che è Papa vuole accentuare questa caratteristica eminentemente pastorale della sua missione di vescovo di Roma.
«Prosegue l’Anno dell’Eucaristia – ha detto Ratzinger affacciandosi alla finestra del suo studio – voluto dall’amato Papa Giovanni Paolo II per ridestare sempre più nelle coscienze dei credenti lo stupore verso questo grande Sacramento. In questo singolare tempo eucaristico, uno dei temi ricorrenti è quello della domenica, il giorno del Signore, tema che è stato al centro anche del recente Congresso eucaristico italiano, svoltosi a Bari». «Durante la celebrazione conclusiva – ha aggiunto Benedetto XVI – io pure ho sottolineato come la partecipazione alla Messa domenicale debba esser sentita dal cristiano non come un’imposizione o un peso, ma come un bisogno e una gioia. Riunirsi insieme con i fratelli, ascoltare la Parola di Dio e nutrirsi di Cristo, immolato per noi, è un’esperienza che dà senso alla vita, che infonde pace al cuore. Senza la domenica noi cristiani non possiamo vivere».
«Per questo i genitori - ha detto ancora il Papa - sono chiamati a far scoprire ai loro figli il valore e l’importanza della risposta all’invito di Cristo che convoca l’intera famiglia cristiana alla Messa domenicale. In tale cammino educativo, una tappa quanto mai significativa è la Prima Comunione, una vera festa per la comunità parrocchiale, che accoglie per la prima volta i suoi figli più piccoli alla mensa del Signore». «Per sottolineare l’importanza di questo evento per la famiglia e per la parrocchia – ha concluso Ratzinger - il 15 ottobre prossimo, a Dio piacendo, terrò in Vaticano uno speciale incontro di catechesi con i bambini, in particolare di Roma e del Lazio, che durante quest’anno hanno ricevuto la Prima Comunione. Questo festoso raduno verrà a cadere quasi alla fine dell’Anno dell’Eucaristia, mentre sarà in corso il Sinodo dei Vescovi incentrato sul mistero eucaristico. Sarà una circostanza opportuna e bella per ribadire il ruolo essenziale che il sacramento dell’Eucaristia riveste nella formazione e nella crescita spirituale dei fanciulli».
Benedetto XVI vestirà i panni del catechista, proprio come aveva iniziato a fare nei primi anni del secolo scorso San Pio X, alla cui iniziativa si deve la divulgazione in tutto il mondo del famoso Catechismo a domande e risposte sul quale si sono formate (e bene) generazioni di credenti. Proprio Ratzinger, per incarico di Giovanni Paolo II, dopo aver sovrinteso alla stesura e alla pubblicazione nel 1992 del nuovo Catechismo della Chiesa cattolica, si è occupato negli ultimi due anni di prepararne una forma più breve e agile, a domanda e risposta, che ricalca nella formula quello di Pio X. Di questo avevano parlato Ratzinger e Papa Wojtyla durante l’ultimo incontro di lavoro avvenuto al Policlinico Gemelli il 1° marzo scorso. Il nuovo testo ora è ultimato e sarà pubblicato nelle prossime settimane.
L’iniziativa di Benedetto XVI di fare il catechismo ai bambini richiama alla memoria anche lo stile di Papa Luciani, che durante il suo brevissimo pontificato trasformò le udienze del mercoledì in semplici ma profonde lezioni di catechismo avvalendosi dell’aiuto dei bambini presenti nell’aula Nervi.