Il Papa: si torni a negoziare per la pace

Papa Benedetto XVI fa appello per la pace in Terra Santa. Il Pontefice, molto preoccupato per l’evolversi della situazione in Medioriente, ha chiesto un’altra volta la partenza di negoziati. «Faccio appello ai responsabili israeliani e palestinesi - ha detto il Santo Padre al termine dell’Angelus - affinché con il generoso contributo della comunità internazionale ricerchino responsabilmente quel negoziato nel conflitto che solo può assicurare la vera pace a cui aspirano i loro popoli». Preoccupazione è stata espressa anche dei ministri degli Esteri del G8 riuniti a Mosca. Hanno chiesto al governo palestinese di porre fine alla violenza terroristica e di prendere «misure immediate» per la liberazione del soldato israeliano rapito. Il G8 ha invitato israeliani e palestinesi a «evitare misure unilaterali che potrebbero pregiudicare lo status finale dei territori palestinesi». E anche dal mondo arabo arrivano le prima reazioni. Condannando la «flagrante aggressione» di Israele, la Lega Araba ha deciso di chiedere la convocazione di una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza dell’Onu. La Lega Araba ha anche condannato dello spazio aereo siriano da parte degli israeliani, definendolo una provocazione per allargare il cerchio della violenza.