Papa: "Wojtyla aveva doti soprannaturali"

Oltre 60mila fedeli hanno affollato piazza
San Pietro per partecipare alla messa che Benedetto XVI
celebrerà in occasione del terzo anniversario della morte di
Papa Wojtyla. <strong><a href="/a.pic1?ID=251906">Fisichella: &quot;I suoi occhi fissi su Gesù&quot;</a></strong>

Roma - Sessantamila volti per ricordare papa Giovanni Paolo II al terzo anniversario della morte. Sessantamila paia di occhi fissi a guardare papa Benedetto XVI proprio mentre parla di "qualità soprannaturali" riferendosi al proprio predecessore. Durante la messa solenne, il Santo Padre ha ricordato che "tra le tante qualità umane e soprannaturali, Wojtyla aveva anche quella di un’eccezionale sensibilità spirituale e umanistica". E i sessantamila fedeli, che affollavano la piazza, si sono stretti attorno al ricordo dell'ultimo grido di Wojtyla: "Non abbiate paura".

Una morte che resta nel cuore "La data del 2 aprile è rimasta impressa nella memoria della Chiesa come il giorno della partenza da questo mondo del servo di Dio Giovanni Paolo II". Benedetto XVI rivive "con emozione" le ore di quel sabato sera, quando la notizia della morte fu accolta da una grande folla in preghiera che gremiva piazza San Pietro. "Per diversi giorni la Basilica Vaticana e questa piazza - ha ricordato il Pontefice - sono state davvero il cuore del mondo". Un fiume ininterrotto di pellegrini aveva reso omaggio alla salma del venerato Pontefice. Agli stessi funerali segnarono un’ulteriore testimonianza della stima e dell’affetto che aveva conquistato nell’animo di tantissimi credenti e di persone d’ogni parte della terra.

L'agonia di Wojtyla Giovanni Paolo II si spense alla vigilia della seconda Domenica di Pasqua. Al compiersi del giorno che ha fatto il Signore. "La sua agonia si è svolta tutta entro l’ottavo giorno, voluto dalla Santissima Trinità mediante l’opera del Verbo incarnato, morto e risorto - ha spiegato il Pontefice - in questa dimensione spirituale Giovanni Paolo II più volte ha dato prova di trovarsi in qualche modo immerso già prima, durante la sua vita, e specialmente nell’adempimento della missione di Sommo Pontefice". Il pontificato di Giovanni Paolo II appare infatti come un segno e una testimonianza della Risurrezione di Cristo. Così la sua morte è stata da Ratzinger come "il sigillo di un’esistenza tutta donata a Cristo, a Lui conformata anche fisicamente nei tratti della sofferenza e dell’abbandono fiducioso nella braccia del Padre celeste".

Le ultime parole prima di morire Benedetto XVI ha ricordato le ultime parole di Giovanni Paolo II: "Lasciate che vada al Padre". Questa la testimonianza di sofferenza fino all’ultimo respiro. "Queste, testimonia chi gli fu vicino, furono le sue ultime parole - ha detto il Papa, nella messa celebrata in piazza San Pietro per il terzo anniversario dalla scomparsa del Papa polacco - a compimento di una vita totalmente protesa a conoscere e contemplare il volto del Signore". Parole che sono diventate una specie di motto sulle labbra del Papa Giovanni Paolo II, fin dal solenne inizio del suo ministero petrino. Le ha ripetute più volte alla Chiesa e all’umanità in cammino verso il 2000, e poi attraverso quello storico traguardo e ancora oltre, all’alba del terzo millennio. "Non possiamo dimenticare - ha concluso il Papa - quella sua ultima e silenziosa testimonianza di amore a Gesù".