Papera Chievo, l’Empoli pareggia

Empoli. L’Empoli è solo la brutta copia della squadra corsara vista a Marassi e il Chievo fa capire di avere imparato finalmente la lezione, prendendo subito in mano il gioco senza smarrirsi quando, in vantaggio con un tap-in di Mandelli, perde al 17’ Luciano, espulso per un doppio giallo che Pillon contesterà. Veneti per 73’ in dieci e su un campo allentato, certo non un favore. Ma il Chievo si organizza, fuori una punta per un centrocampista, e fa diga. L’Empoli agisce in modo opposto, dentro prima Pozzi poi anche Gasparetto, ma non è detto che aumentando il numero degli attaccanti fiocchino le occasioni, anzi i tre al centro finiscono per sovrapporsi. Un paio di parate di Squizzi sono decisive, poi anche il portierone commette un’ingenuità, accompagnando in rete una punizione di Vannucchi non irresistibile, sulla quale è andato un po’ molle. L’1 a 1 è il risultato più giusto, con Pillon a elogiare i suoi per la prova di carattere che dovrebbe chiudere il momento nero.