Papi, sibille e profeti in pagine di grande qualità

Fra oltre un centinaio di incontri, tavole rotonde e conferenze, rassegne sui libri dal medioevo al ’900, e la mostra mercato dedicata al «Libro antico e di pregio», ecco la quinta edizione di Artelibro (Bologna, Palazzo Re Enzo, Museo Archeologico e sedi diverse, fino a domenica). La Biblioteca dell’Archiginnasio, una delle istituzioni librarie migliori d’Italia, presenta la mostra «Papi e Sibille», illustrando il rarissimo manoscritto contenente i vaticinii attribuiti a Gioachino da Fiore, mentre il secolo scorso è presente all’esposizione «Dieci tesori del 900», libri-oggetto futuristi e menabò di Munari per un Museo del libro e la raccolta di libri d’artista del MART di Rovereto. L’archivio di Bruno Munari è un incunabolo straordinario della storia del libro per bambini (e non solo) nel mondo. Decine di incontri, che spaziano dall’Indice dei libri proibiti nel ’500 alle nuove tecnologie, alla produzione grafica contemporanea, completano il programma fino a giungere a una tavola rotonda che raduna i maggiori editori italiani, nell’intento di analizzare «scenari e prospettive» dell’editoria d’arte in Italia e in Europa.