Le pappardelle di Nazzano

Terza edizione della sagra delle pappardelle a Nazzano. Proprio in onore dei festeggiamenti per il 25 aprile, in piazza IV Novembre, la pro-loco di Nazzano ha organizzato un’iniziativa dal sapore tipicamente paesano, con pappardelle fatte in casa dalle sapienti mani delle cuoche della cittadina romana, così come le carni, cotte alla brace e il vino, esclusivamente del posto.
Il comune di Nazzano si trova nell’alta Sabina, a ridosso di un’area naturalistica: la riserva naturale del Tevere Farfa. Borgo di notevole interesse storico, Nazzano gode di una posizione favorevole e di un paesaggio fra i più belli della Sabina. Tradizioni folcloristiche, artigianato, bellezze naturali e chiese di pregio artistico ed estetico sono gli elementi caratteristici del paese. La sua storia ha origine antichissime e conosce il suo momento di maggiore splendore durante il Medioevo. Assolutamente da visitare il Museo del Fiume, situato nel centro storico, alla base della Rocca dei Savelli; l’edificio che ospita il museo era anticamente una pertinenza del castello e al suo interno si trovavano le scuderie e i magazzini. La struttura ospita delle sale dove sono allestite due sezioni, la naturalistica, legata essenzialmente al fiume Tevere, e in particolare alla riserva naturale Tevere-Farfa, e la sezione archeologica. Contiguo alla riserva naturale si sviluppa il parco didattico, che funziona come centro di documentazione ed educazione ambientale. Inoltre nel parco si trova il Casale Mussolini: restaurato all’inizio degli anni ’90, ospita il Centro di documentazione ambientale con una mostra permanente che illustra il lavoro agricolo, i mestieri sul fiume, i mestieri artigiani, la festa di S. Antimo (patrono del paese) e la storia del territorio. Per ulteriori informazioni: www.comune.nazzano.rm.it.