«In Paradiso nella Giornata della vita»

«Oggi è la giornata della vita e una mamma che ha regalato la vita ai propri figli è sicuramente in Paradiso». Don Marco Melzi non ha dubbi: «Mamma Rosa è in Paradiso». Lui, prete novantenne, confida che la signora Bossi Berlusconi «in quest’ultimo periodo ha ricevuto numerose volte i sacramenti».
Lei, racconta, «era molto devota» ma «posso affermarlo con rispettosa amicizia e con la confidenza della Santa Confessione che più volte mi ha chiesto, la signora Rosella era una mamma eccezionale». Ma chi era mamma Rosa? «Certo, una mamma ricchissima non tanto materialmente quanto di valori personali, i famosi talenti del Vangelo che Dio le ha profusi e che lei ha trafficato facendone parte a tanti. E con l’età non ha neppure perso l’entusiasmo giovanile che, si sa, è pur sempre un segno di spirito libero e sovrano». E dalle parole e dai ricordi, don Marco - con un passato sul fronte di guerra greco-albanese e internamento in un lager tedesco insieme a Lazzati, Guareschi e padre Lega - estrae un episodio: «Era un anniversario. Grande festa, bel discorso e ricco banchetto. Mamma Rosa ascoltava paziente e benevola ricevendo gli omaggi di tutti. A un certo punto però mi mormorò “’ndemm a cà“. Andiamo a casa, nel nostro bel dialetto milanese. Richiamo al desiderio vero e autentico di stare degnamente al proprio posto e tornare all’origine dei nostri giorni. Be’, mamma Rosa - le dissi - ’ndemm a cà che, oggi, è la più seria e sincera proposta di ogni cristiano augurio».