PARADOSSI AD ACERRA E DINTORNI

Il lavoro c’è ma lo vogliono solo gli insegnanti del Nord. Succede alla periferia di Napoli, dove ventidue cattedre risultano vacanti ma nessun docente del luogo sembra voler insegnare in un istituto incastonato tra Acerra e Afragola. Sono quasi tutti settentrionali, infatti, i duecento docenti che hanno raccolto l’appello dei dirigenti delle scuole elementari e medie «Viviani» di Caivano, la scuola «di frontiera» a corto di insegnanti. Decine di docenti, pronti a lasciare il Nord Italia per misurarsi con una realtà difficile e aiutare Eugenia Carfora, dirigente scolastica dell'istituto, a realizzare il suo sogno: «Voglio dare una chance, anche a questi ragazzi di Parco Verde».