Parcheggi, scatta l’ora di tolleranza-zero alla Foce e Carignano

(...) nelle Blu Area, è passato infatti da 14 a 26. Il provvedimento è stato messo in atto, come sottolinea la stessa Azienda Mobilità e Infrastrutture, «per garantire un controllo più capillare del territorio e il rispetto delle regole e delle norme operative all’interno delle zone blu».
Fino a venerdì, fa sapere sempre Ami, la media delle sanzioni giornaliere era stata di circa 150, ma con la «discesa in campo» dei nuovi ausiliari, è prevedibile un forte incremento dei controlli e un conseguente inasprimento sanzionatorio, a tutela dei residenti e con benefici - promette sempre la società guidata dall’amministratore delegato Marco Vezzani - sulla vivibilità dei quartieri, in termini di maggior ordine e minor congestionamento delle aree di sosta. Nelle strade del centro cittadino, invece, dove il piano parcheggi è stato avviato da lunedì scorso, sono tuttora in servizio gli addetti che segnalano con avvisi apposti sulle vetture le soste irregolari dovute alla mancanza di contrassegni. Nella zona F del centro, inoltre, a breve saranno operativi gli ausiliari del traffico per sanzionare eventuali irregolarità: in questo senso, Ami ricorda ai residenti che non avessero ancora provveduto a fornirsi di contrassegno per la sosta nelle Aree Blu alla Foce, di provvedere con sollecitudine presso Aci, Infopoint, di viale Brigate Partigiane (da lunedì a venerdì, 8,30-17,30).
Nel frattempo, però, non si spengono le polemiche dei cittadini che lamentano la mancanza di posti auto a loro disposizione nelle zone di residenza, e si trovano quindi costretti a lasciare la vettura di proprietà negli spazi a pagamento: una beffa, oltre il danno, per aver già puntualmente pagato l’abbonamento annuale di 25 euro e trovarsi poi costretti a versare alle casse del Comune 2 euro all’ora per parcheggiare nei pressi di casa. Caso tipico, quello di via Fieschi e del circondario immediato. Anche di questo, oltre che delle altre incongruenze emerse in queste settimane nel piano parcheggi del Comune, si parlerà martedì, alla Banca popolare italiana di via Garibaldi, in occasione della tavola rotonda «Ferro gomma: mal comune, nessun gaudio», prevista con inizio alle ore 15. L’iniziativa, organizzata da Asdai, l’associazione sindacale dei dirigenti delle aziende industriali, e dalla Cida, la confederazione dei dirigenti d’azienda, promette di essere un’occasione significativa di dibattito per analizzare le problematiche del trasporto pubblico e per rispondere alle esigenze della mobilità locale. Intervengono il senatore Luigi Grillo, l’onorevole Graziano Mazzarello, Stefano Penco, Marco Vezzani, Bruno Sessarego e Domenico Braccialarghe; coordina Mario Bottaro.