«Parchi della droga? Il verde è dei bimbi»

«I parchi devono essere lasciati alle mamme e ai bambini». Quando pensa al verde della città, Letizia Moratti immagina le famiglie, gli anziani che ci trascorrono i pomeriggi seduti sulle panchine a chiacchierare. Idea ben lontana dall’esperimento che il candidato sindaco dell’Unione, Bruno Ferrante, vorrebbe tentare in alcune aree: la distribuzione controllata di droga, a scopo terapeutico. Ma i giardini pubblici, attacca la Moratti, «sono per i bambini, non per lo spaccio legalizzato di droga. I ragazzi che hanno problemi di droga vanno aiutati facendoli uscire dal problema, non lasciandoli dentro». Anche il presidente del Tribunale dei minori, Livia Pomodoro, contesta «la proposta del buco garantito. È una semplice riduzione del danno, bisogna fare prevenzione».
Alle famiglie invece la Moratti garantisce che nei prossimi cinque anni la città potrà contare su 50 nuovi pediatri. Oggi sono 130 contro una popolazione di 145mila abitanti tra zero e 14 anni.