Parco Lambro, Don Mazzi striglia gli ambientalisti: «Dove siete?»

«Ma dove sono? Perché non sono arrivati qui, non ieri o domani. Ma quattro giorni fa». Don Mazzi, presidente della Fondazione Exodus, la comunità per il recupero di tossicodipendenti in mezzo al parco Lambro, in questi giorni non si dà pace: «Io mi domando - sbotta - che fine hanno fatto i movimenti ecologisti, i verdi in un disastro così. Non ho visto nessuno, non so nemmeno se sono andati a Monza. Qui a Milano non mi sembra ci sia stata una presa di coscienza vera su quello che è accaduto». Manca la cultura del verde, manca la consapevolezza che una difesa dell’ambiente seria renderebbe la città migliore. «E invece sono tutti preoccupati del blocco. Ma a cosa vuoi che serva?», chiede.
E allora ci prova lui a lanciare il suo appello e la sua provocazione, invitando tutti i no smog, genitori, mamme, zii, cugini anti-polveri sottili a venire qui domani a pulire il Lambro. Fosse stato per lui sarebbero già dovuti andare davanti a Palazzo Marino a manifestare.