Parco della Musica: il meglio del gospel ha trovato «casa»

Come ormai consuetudine per Natale torna il Roma Gospel Festival, da oggi al primo gennaio all’Auditorium Parco della Musica. Il nome vuol dire letteralmente God spell, ovvero Dio parla (in inglese sinonimo di Vangelo). Visto il carattere religioso è quindi diretta conseguenza che il genere musicale sia oggi la colonna sonora più consona e ideale per le festività natalizie. La cadenza soul, ora gioiosa, ora soave e ispirata. Le voci, quelle potentemente black dei neri americani, i cori polifonici a cappella, la sottolineatura armonica dell’organo Hammond, la ritmica spesso segnata dal solo schioccare delle dita, sono tutti elementi che fanno ormai da tradizionale cornice al Natale.
Alcune delle migliori formazioni corali provenienti dagli USA saranno protagoniste dunque di dieci concerti. Si apre oggi alle ore 21 alla Sala Sinopoli con la formazione «The Inspirational Choir of Harlem» che vanta collaborazioni anche con Tina Turner e gli U2. Domani sera stesso luogo e stessa ora per i «Sue Conway Victory Singer of Chicago». Pausa alla vigilia e poi il giorno di Natale sarà la volta di «Joe Pace & Colorado Mass Choir». «Stevenson Clark & Memphis Singers« saranno di scena il 27, «Donald Woods & His People« venerdì 28, mentre il 29 toccherà alla celebre compagnia di «Robin Brown and Triumphant Delegation», e a seguire le «Tony Washington Singers» domenica 30. Gran finale d’anno, infine, con il sound dei «New Orleans Gospel Night« il 31 con l’unico show che avrà inizio alle 22 a cavallo col nuovo anno, concerto e gruppo che saluteranno anche il 2008 il giorno di Capodanno alle 18 con l’ultima esibizione della rassegna.