Parenti nel parterre e idee shock Ecco la moda della new generation

Antonio Romano, 25 anni, è illustratore e fashion designer (ha collaborato anche con La Perla). Ieri ha debuttato con il marchio Gammaromano, ispirandosi alle parti meccaniche dei motori e proponendo abiti dai tessuti sovrapposti dai bordi asimmetrici. Poi c'è Alessia Xoccato, 26enne di Schio, in provincia di Vicenza, che ha presentato una collezione destrutturata ispirata al tema del vento. Con lei ci sono il padre e la sorella, che le fa da assistente. Ma nel backstage dei giovani, il fermento vero si respira quando arrivano alcuni personaggi. Sono qui per accompagnare le sfilate di Gilda Giambra, Chicca Lualdi e Federico Sangalli, i tre debuttanti dello scorso anno che si ripresentano nella categoria Regeneration. Ognuno di loro ha scelto un testimonial, e le sfilate si trasformano in piccoli eventi. Per il marchio Bee Queen di Chicca Lualdi (l'unico ad aver già stretto tre accordi di licenza con grossi partner), sale in passerella Sara Tommasi, con indosso abiti bon ton tutti giocati sugli accostamenti del panna e delle varie sfumature del marrone. Lo spettacolo vero arriva con Gilda Giambra, che ha voluto a tutti i costi un'esibizione live di Ambra Marie. La 20enne bergamasca di «X Factor» ha improvvisato per una decina di minuti sulle note di «I put a spell on you», mentre le modelle sfilano con abiti divertenti e creativi, ispirati al mondo delle streghe. Luciana Savignano esce coperta da un velo di tulle e balla sulle note di «My Way» di Frank Sinatra (e commuove tutti), per poi far spazio alla sfilata di Federico Sangalli. «Ho disegnato alcuni costumi per un suo spettacolo - racconta Federico - e sono rimasto folgorato dalla sua luce, alla quale si ispira la mia collezione». Madrine delle sfilate dei giovani: Filippa Lagerback e Martina Colombari. Tutti rigorosamente senza compenso. Presenti solo per sostenere la causa dei nuovi talenti.
PDel