Il pari sfugge agli aquilotti per una papera

Non passa, davanti ad un pubblico ridotto che ha comunque potuto accedere al San Paolo per appoggiare la squadra di casa, uno Spezia troppo sprecone che si trova a dover competere con un Napoli impostato per giocare da «inseguitore» della capolista Juventus. Un tre a uno che pesa molto e che potrebbe compromettere l'andamento della stagione, obbligando gli spezzini a lavorare tutto in salita. Tutto ruota attorno ad una incredibile papera di Nicola Santoni che rovina una partita che, se pur con qualche differenza tecnica, si stava incanalando verso il pari. Lo Spezia aveva sprecato occasioni su occasioni, ma il pareggio ci stava tutto. Poi l'errore dell'estremo difensore e la rete finale di Bucchi a gara oramai decisa. La classifica ora si fa pesantissima, non tanto per una sconfitta che ci poteva stare quanto perché in fondo tutti fanno risultati importanti.
Le reti tutte nella ripresa. Al 46' Trotta mette in mezzo dalla destra, testa di Bogliacino e gol del Napoli. Passano pochi minuti ed al 52' Guidetti scatta in contropiede e si presenta solo di fronte a Gianello: la conclusione è respinta dal portiere del Napoli, la palla finisce a Colombo che, con una bomba, realizza il gol del pari. Poteva finire così, ma all’80' c’è la papera di Santoni in uscita con Calaiò, solo, che realizza il vantaggio napoletano. Al 92' Da Calaiò a Bucchi, quindi conclusione del napoletano «sporcata» da Santoni in uscita, Ponzo va all'inseguimento del pallone che però rotola in rete, è il 3 a 1 finale. E pensare che a fine primo tempo la tifoseria di casa aveva salutato i propri beniamini con bordate di fischi. Sulla tensione nello Spezia molto ha contato l'espulsione, al 50', di Gonfalone. Lo spezzino, dopo avere discusso animatamente con Giannoccaro, commette un brutto fallo su Gattie prende il secondo cartellino giallo.