A Parigi cede ancora EdF

Nelle Borse mondiali permane una situazione di incertezza, aggravata ieri dai nuovi rialzi del greggio. Una maggiore irragolarità si è riscontrata a New York per una serie di notizie societarie contrastanti: di nuovo in ribasso General Motors fino al 4% per poi ridimensionarlo al 2,5% circa; giù anche Tiffany (meno 3,6%), mentre in terreno positivo H.J. Heinz (più 2%). Nei titoli tecnologici, Google balza al nuovo record di 415 dollari, in crescita dell’1,4%, mentre in fase negativa Level 3 (meno 4,4%) e Symantec (meno 2,4%). In Europa l’attenzione si è accentrata su due titoli; a Parigi cede l’esordiente Edf che perde oltre il 2% sotto il prezzo di collocamento di 32 euro; mentre ad Amsterdam, vola Endemol (più 6,6%) nel primo giorno di quotazione. Il crollo dei titoli chip nelle Borse orientali ha portato a insistenti realizzi per i titoli europei, ma perdono anche le azioni dell’auto.