Parisi ovunque, Di Napoli fumo e niente arrosto

6 STORARI. Rischia la faccia contro Materazzi, tien alta la guardia contro tutti. Evita il tracollo grazie a due pali.
5 ZORO. Fatica terribilmente nella fase difensiva, più credibile in attacco. Due interventi su Materazzi valgono almeno un rigore. E certo non è bello sentirsi inseguito dai fischi e dagli insulti della curva per tutta la partita.
5 ZANCHI. In affanno continuo. Segue Recoba come un’ombra ma quello fa solo paura: dev’essere un suo amico.
5,5 MORELLO dal 1’ st. Voglioso e pieno di forza fisica. Adriano lo fa sentir piccolo.
5 IULIANO. Affonda più che galleggiare. Quando fa il libero salva la faccia. Quando si applica sull’uomo diventa uno gnomo.
6 REA. Lavora con grande determinazione. Ma davanti alla classe degli avversari gli tocca abbassar la testa.
6,5 PARISI. Regge la parte meglio di tanti altri. Mette l’Inter in soggezione sulla fascia: quando va avanti ed anche quando difende.
6 DE VEZZE. Maratoneta e combattente. Lotta e non molla.
dal 32’ st PROVENZANO 6. Guizzante e attivo. Per il poco che gioca, fa sentire la sua presenza.
5 OGASAWARA. Parte con voglia di protagonismo. Alla lunga si spegne e si ripiega nei suoi limiti.
dal 18’ st LAVECCHIA 6,5. Lascia il marchio su un palo di Julio Cesar. Non ti fa dormire.
6 CORDOVA. Prova tutte le vie per mettere in difficoltà l’Inter.
5 FLOCCARI. Prova tanto, conclude poco.
5 DI NAPOLI. Più fumo che arrosto.

ALL. GIORDANO 4. Lo scontro con Materazzi affonda la sua credibilità. Un allenatore non si comporta così. Giustamente espulso.
ARBITRO: STEFANINI 5. Avventuroso nelle decisioni, non prevede l’ipotesi del rigore.