Parisi il prudente scivola sull’Italia di Freedom House

Anche il solitamente cauto Arturo Parisi (nella foto) è inciampato su una buccia di banana. «Ma lo sa il presidente Berlusconi - ha tuonato l’ex ministro della Difesa - che Freedom House classifica l’Italia fra i Paesi “parzialmente democratici” proprio a causa della subalternità del Parlamento all’esecutivo, oltre che per la concentrazione delle tv e il controllo del governo sulla Rai?». No, Berlusconi non lo sa perché non è vero. Sul sito internet dell’organizzazione Usa (i cui criteri di giudizio sono peraltro discutibili, come ha dimostrato il Giornale qualche anno fa), l’Italia risulta un Paese free sia nella classifica generale (2008) che da punto di vista delle libertà di stampa (2007). L’Italia era partly free nel 2006 (per colpa di Berlusconi, ovviamente), e forse tornerà ad esserlo tra pochi mesi. Il dubbio rimane: Parisi ha la memoria corta o la vista lunga?