Parla irlandese l’«European Amateur» di Biella

Annaluisa Conti

In termini di interesse internazionale la ripresa dell’attività agonistica dopo la pausa estiva aveva il suo clou a Biella con le quattro giornate dedicate all’International European Amateur Championship nel quale gli italiani hanno fatto poco più che le comparse. Soltanto quattro hanno superato il taglio per essere ammessi ai due giri finali. Ha vinto l’irlandese Roby McIlroy con 274 e l’unico azzurro fra i primi è stato il fiorentino Lorenzo Gagli, nono con 284 colpi. Gli altri: 35° Andrea Romano (291), 52° Marco Guerisoli (295) e 60° Andrea Chiapuzzo (298). Di notevole richiamo era anche la 43° Coppa Punta Ala - 5° trofeo Monte dei Paschi Siena, che si è snodata sul bel percorso di Punta Ala. Si trattava di una quattro palle la migliore medal: nella categoria scratch si sono imposti Matteo Natoli e Otto Buffa con 149 colpi. Con lo stesso punteggio ma battuti al play off hanno chiuso anche Gabriele Massaia e Angelo Fusco, In prima categoria netto il successo è andato a Piero Nardi e Piero Bertolani con 135. Nei grandi club i giocatori hanno ripreso le ostilità. A Monticello era programmata la Cigar Golf Cup by Golf e Gusto: una stableford per riprendere confidenza coi green. Fra i migliori giocatori netto spiccavano Massimiliano Galli De Magistris, Gianmarco Colombo, Claudio Lorenzani e, per il lordo emergeva come da sua abitudine Martino Scavini