Parla lo storico: «L’ex re escluse il figlio dal trono»

Gli occhi lungimiranti di un padre. E un tragico presentimento. Umberto II escluse dalla successione Vittorio Emanuele e di conseguenza anche suo figlio, Emanuele Filiberto. A dare questa notizia, che getta nuove ombre sulla figura del principe, è stato Aldo Mola, autorevole storico di casa Savoia. Raggiunto telefonicamente dall’agenzia radiofonica Grt per un commento su questa vicenda giudiziaria ha dichiarato: «Umberto II escluse dalla successione il figlio, Vittorio Emanuele e di consequenza anche il nipote, Emanuele Filiberto, perché non vide in lui una personalità rispondente alla tradizione di rigore e di rispetto delle norme, a cominciare dalle norme dinastiche, che devono essere la guida morale e intellettuale di un principe». Umberto di spense nel 1983, quando suo figlio Vittorio Emanuele aveva 46 anni.