Parma-Inter, trasferta a rischio Sui biglietti decide il prefetto

Dopo la decisione dell'Osservatorio di vietare la trasferta a Catania ai <strong><a href="/a.pic1?ID=261423">tifosi della Roma</a></strong> ore di apprensione per gli interisti. Vendita sospesa: la decisione passa sulle spalle del prefetto emiliano. <strong><a href="/sondaggio_1a.pic1?PID=58">Chi vincerà lo scudetto? VOTA</a></strong>

Milano - Se Atene piange, Sparta non ride. E' da sempre così. Qualcuno vorrebbe che fosse così anche nel calcio. Domenica prossima si giocano le due supersfide per lo scudetto (e la salvezza): Parma-Inter e Catania-Roma. Il divario tra nerazzurri e giallorosssi è di un solo punto, tutto può succedere. La trasferta della Roma, però, i tifosi giallorossi non potranno seguirla: l'ha deciso l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive. Ragioni di ordine pubblico. Apriti cielo. I romanisti sono andati su tutte le furie: perché noi no e loro (i nerazzurri) sì? In effetti sembra una disparità di trattamento, quasi un'ingiustizia. Ma, al di là del valore sportivo delle due gare (in palio c'è lo scudetto), l'Osservatorio decide solo su questioni di sicurezza. E sarebbe difficile, visti i precedenti, dargli torto.

Parma-Inter, vendita sospesa Ore di apprensione per i tifosi dell'Inter. È stata posticipata a data e ora da destinarsi la messa in vendita, che doveva iniziare questa mattina alle 10, dei biglietti per il settore ospiti della partita Parma-Inter di domenica prossima. "Su disposizione del Parma F.C. - si legge sul sito di Ticket One, la società che commercializza i tagliandi - l’ apertura delle vendite per l’incontro Parma-Inter in programma il 18 maggio allo Stadio Tardini è stata posticipata a data e ora da destinarsi. La società è attualmente ancora in riunione con l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive per prendere decisioni in merito. Seguiranno aggiornamenti appena disponibili".

Responsabilità al prefetto La palla avvelenata della decisione finale sulle trasferte dei tifosi nell’ultima giornata di campionato passa nelle mani del prefetto di Parma. La riunione d’urgenza dell’Osservatorio del Viminale, con le componenti sportive che hanno ribadito la richiesta di par condicio tra tifosi interisti e romanisti (ai quali è stata vietato ieri di andare a Catania), ha infatti stabilito che la scelta definitiva spetta al responsabile della prefettura della città emiliana. Dovrà esprimersi "tra oggi e domani".

Segnalazione delle questure Le questure di Roma e Parma hanno segnalato con note al Viminale rischi per l’ordine pubblico domenica prossima a Parma. A quanto si apprende da fonti ufficiose, ma autorevoli, ci sarebbe il rischio che tifosi romanisti possano andare domenica a Parma in segno di protesta contro la decisione di vietare la trasferta dei sostenitori giallorossi a Catania, nonchè la possibilità di tensioni tra tifosi interisti e parmigiani, sempre a Parma.