Parma, sequestrato deposito illegale: 500mila chili di carne senza marchio

I Nas di Parma, insieme all'Asl, hanno messo i sigilli a celle frigore piene di carne bovina e di pollame: valore 1,5 milioni di euro. Mancavano le indicazioni di tracciabilità e di provenienza 

Piacenza - Maxi sequestro di carne da parte dei Nas di Parma. Circa 500mila chili di carni bovine e avicole, per un valore di circa 1,5 milioni di euro, sono stati sequestrate a Cadeo, in provincia di Piacenza, durante un controllo effettuato in un deposito di stoccaggio con i veterinari della Asl locale. La carne, completamente disidratata e priva di qualsiasi marchio che ne consentisse di riconoscere la tracciabilità e la provenienza, era sistemata all’interno di grandi celle frigorifere alla temperatura di -20 gradi. Le celle, anch’esse sequestrate dai Nas, erano in condizioni pessime, con presenza di ruggine e calcinacci. Il sindaco di Cadeo, con una ordinanza urgente, ha disposto nei confronti del deposito il divieto di utilizzo del marchio di conformità agli standard europei.