Il Parma vola con Corradi ma poi rischia

da Parma

Chiamatela la strana coppia. Sta di fatto che l'inedito tandem di attacco Delvecchio-Corradi, nonostante l'assenza di Morfeo, ha di fatto regalato al Parma la prima vittoria in campionato. Le due torri crociate si sono cercate, e trovate, spesso e volentieri all'interno dell'area dell'Empoli, creando una dozzina di palle gol che solo la straordinaria bravura di Berti ha ridotto, come bottino finale, ad un solo gol.
Ma la superiorità del Parma, emersa dopo il gol di Corradi al 17' del primo tempo (grande azione di Cannavaro, che ha giocato solo per l'infortunio dell'ultimo momento di Coly, e bel tiro nell'angolino alto del senese), è stata palese per tutta la ripresa, quando i crociati avrebbero potuto dilagare. Laddove non ci è arrivato Berti, ci ha pensato però il palo, fermando un gran sinistro di Pisanu.
Così tante sono state le occasioni fallite per raddoppiare (incredibile quella di Delvecchio, da un passo dalla porta vuota, al 39' della ripresa) che alla fine stava per materializzarsi sul Tardini lo spettro della beffa: allo scadere, infatti, su un errore di Couto Tavano andava al tiro e solo il salvataggio di Cardone evitava il pareggio.
Del resto l'Empoli non può recriminare. Solo prima della rete del Parma è stato veramente pericoloso, presentandosi per due volte davanti a Bucci con Almiron prima e Riganò poi. Ma in entrambi i casi è stato Cannavaro a risolvere la situazione a portiere battuto.