Parmalat, il giudice non aspetta: arrestato Tanzi

La procura di Milano ha deciso di eseguire la condanna a 8 anni e un mese stabilita ieri della Cassazione per aggiotaggio nella vicenda del crac Parmalat. Il pg ha scelto di non attendere la pronuncia del tribunale di sorveglianza sulla richiesta dei difensori: scontare la pena ai domiciliari perché il loro assistito ha più di 70 anni

Parma - Tanzi arrestato e portato in carcere. Il sostituto procuratore generale di Milano, Carmen Manfredda, ha dato esecuzione alla condanna inflitta dalla Corte di Cassazione a Calisto Tanzi, ex patron della Parmalat. Ieri i giudici di piazza Cavour hanno condannato Tanzi in via definitiva a otto anni e un mese per aggiotaggio e ostacolo all’autorità di vigilanza. La guardia di finanza di Milano ha eseguito l’arresto. Tanzi verrà portato nel carcere di Parma. Il giudice poteva scegliere di attendere la decisione del tribunale di sorveglianza al quale i legali dell’ex patron di Collecchio hanno chiesto la concessione della detenzione ai domiciliari. Alla base della richiesta difensiva ci sono l’età dell’imputato, 72 anni, e le sue condizioni di salute.

L'arresto La guardia di finanza ha bussato alle 15.35 al citofono della villa di Calisto Tanzi ad Alberi di Vigatto (Parma). "Signora, siamo della guardia di finanza" ha detto uno dei finanzieri prima di entrare nel parco che circonda la villa. Gli uomini della gdf sono arrivati, probabilmente accompagnati anche da un magistrato, a bordo di due grandi Suv Mercedes. Uno dei presenti aveva con sé un documento, presumibilmente il provvedimento adottato dal pg di Milano. I militari sono poi rimasti all’interno dell’abitazione.