LA PARODIA DI BORGHEZIO IN TINTORIA

Ci sarà anche un Silvio Orlando (Max Tortora) più tormentato che mai nella sarabanda comica di Tintoria firmata da Gregorio Paolini e Simonetta Martone, dal 3 gennaio in seconda serata su Raitre, con la new entry dell’argentina Belen Rodriguez. Il tormento di Orlando proviene dalle telefonate notturne di Nanni Moretti (sempre Tortora) che insiste a proporgli film tristi e laceranti con Laura Morante o Margherita Buy, fino alla ribellione di Orlando (a simboleggiare la rivolta del cinema pop contro il cinema d’autore) al suo regista di riferimento: basta, voglio fare un film allegro con i Vanzina e tante belle donne. Al piano superiore della lavanderia multietnica incombe una sede padana nella quale si aggira un finto Borghezio (Sergio Friscia) che, nella sit-com Caffé Borghezio - parodia leghista di Camera café - scopre di avere una figlia napoletana.
Butta la luna slitta contro Nati ieri Senza preavviso, giovedì sera Raiuno ha mandato in onda Il piccolo diavolo di Roberto Benigni al posto della prevista sesta puntata di Butta la luna. Proteste, malumori. Ma i telespettatori devono aspettarsi altri slittamenti dell’ex saltatrice in lungo Fiona May. Il fatto è che, smentendo anche le previsioni dei dirigenti di Viale Mazzini, la fiction tratta da un libro di Maria Venturi, ha sbancato l’Auditel. E ora si vogliono risparmiare le ultime tre puntate per programmarle contro Nati ieri e frenare la crescita del telefilm di Canale 5 prodotto dalla Lux di Luca e Matilde Bernabei, al suo esordio nei canali Mediaset.
Collina non preavvisa Sky Coccolato e corteggiato, alla fine Pierluigi Collina ha accettato il ruolo di preparatore degli arbitri al fianco di Gussoni, designatore unico. Così potrà continuare a commentare il calcio per Sky. Anche se, con un certo disappunto, i dirigenti dei canali sportivi di Murdoch hanno appreso la notizia del nuovo incarico del loro collaboratore proprio da una tv.
Parenti autocritico, Bisio saggio... Segnali di fumo di fine anno. Davide Parenti, papà delle Iene, sul Magazine. Sabelli Fioretti cita Berlusconi: «Le Iene non hanno il senso del limite». Risposta: «Il trio Medusa era andato a dargli fastidio durante un comizio. Aveva ragione lui». Autocritica furba. Claudio Bisio intervistato da A. Tu l’avresti preso in giro il Papa? «Sono per la liberta di satira, ma personalmente lascerei perdere. Com’è quel proverbio? Scherza coi fanti...». Saggezza. Simona Ventura sollecitata da Tv Sorrisi e Canzoni sull’altolà di Piersilvio Berlusconi: «Mi rendo conto che solo la voce di un mio arrivo a Mediaset, anzi di un mio ritorno, potrebbe creare una sorta di isterismo collettivo». Addirittura. E sull’uomo con cui dividerebbe il palcoscenico: «Non ho mai lavorato con Gerry Scotti. E mi piacerebbe». Scotti dove sta? Recidiva.